Una delle realtà criminali che ha maggiormente fruito delle innovazioni introdotte dalla “società dell’informazione” è, senza dubbio, quella dell’abuso sessuale sui minori, un fenomeno che ha sempre sconvolto profondamente l’opinione pubblica.

Tuttavia, a questo crescente interesse per i temi legati allo sfruttamento sessuale dell’infanzia non conseguono, necessariamente, riflessioni critiche rispetto ai rischi a cui sono potenzialmente esposti i minori in Rete.

Il sensazionalismo e l’emotività sono i due aspetti privilegiati, che s’inscrivono all’interno di un più generale “clima di emergenza” che porta a sovrastimare alcune manifestazioni della pedofilia e a rappresentarne erroneamente talaltre.

E ciò anche in relazione al configurarsi di una nuova figura di minore, il “nativo digitale”, capace di catalizzare tutte le ansie e le preoccupazioni legate alla tutela dell’infanzia.

Noemi Cima,  Pedopornografia e tutela del minore nell’era di Internet, L’Occhio di Horus APS, 2023, ISBN 978-88-32202-31-1


Disponibile su Amazon: https://www.amazon.it/dp/883220231X


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.